Impianti dentali

La perdita di un dente può essere risolta ricorrendo a impianti dentali. Si tratta di un restauro ancorato a una vite in titanio inserita nella cresta ossea, che ci permette di evitare di coinvolgere i denti adiacenti all’elemento mancante.

A volte l’inserimento dell’impianto può essere contestuale all’estrazione del dente e l’applicazione immediata di una corona avvitata all’impianto. Nei casi più complessi può essere necessaria una tecnica di rigenerazione dell’osso e dei tessuti molli. In altri casi il posizionamento di impianti endossei può avvenire attraverso tecniche minimamente invasive associate a decorsi post-operatori.

L’effettivo inserimento degli impianti avviene tramite guide di estrema precisione, senza incisioni, scollamento e sutura dei tessuti gengivali. La metodica offre anche la possibilità di applicare protesi fisse subito dopo l’intervento. Oggi, la tecnica da utilizzare per il posizionamento di impianti varia a seconda della situazione e del caso e la moderna odontoiatria offre svariate possibilità.

I miei casi clinici

Ritrovare la voglia di vita, di sorridere
Richiesta del paziente

La paziente ha smesso di sorridere e ha perso la fiducia nella figura del dentista.Dopo anni di cure e soldi spesi la situazione della bocca risulta drammatica: denti curati male, denti fratturati, corone protesiche mal eseguite.

Trattamento e risultati

Con la paziente si è instaurato fin da subito un ottimo rapporto di fiducia che le ha permesso di lasciarsi guidare e di mettersi totalmente nelle mani della nostra équipe. Abbiamo dovuto affrontare un percorso riabilitativo dove si sono resi necessari interventi di chirurgia estrattiva, interventi di implantologia, cure endodontiche e protesi.Alla fine, la paziente ha ritrovato il sorriso, la voglia di vita e la fiducia in sé.

Impianto per inserimento dente incisivo
Richiesta del paziente

Il paziente desidera rimettere il suo dente incisivo, fratturato anni prima, tornando così a sorridere.

Trattamento e risultati

Dopo aver fatto la radiografia, abbiamo notato il residuo della radice del dente fratturato ancora in sito; quindi abbiamo proceduto alla rimozione del residuo radicolare e abbiamo inserito l’impianto insieme a del materiale rigenerativo per migliorare l’osseointegrazione. Dopo tre mesi, siamo passati a protesizare l’impianto con una corona protesica che ha permesso al paziente di riavere funzione ed estetica e tornare a sorridere liberamente.

Tornare ad avere un bel sorriso
Richiesta del paziente

La paziente desidera tornare ad avere il suo naturale sorriso, senza vergognarsi.

T4rattamento e risultati

Dopo attenti esami radiografici e clinici, abbiamo constatato che i denti della paziente, tutti già trattati da cure vecchie e rivestiti da corone protesiche incongrue e infiltrate da carie, erano ormai compromessi. Quindi, in accordo con la paziente, per evitarle numerose e dolorose cure, abbiamo deciso l’estrazione di tutti i denti superiori, e contestualmente l’inserimento di otto impianti insieme a una protesi provvisoria, tutto lo stesso giorno. Dopo sei mesi, il tempo necessario per il processo di osseointegrazione degli impianti, abbiamo realizzato le sue corone in ceramica definitive.

Impianto secondo dente premolare
Richiesta del paziente

Il paziente desidera riabilitare dal punto di vista funzionale ed estetico il secondo dente premolare, che presenta una corona protesica infiltrata da carie che si decementa e viene via.

Trattamento e risultati

Dopo aver rimosso la corona ed eseguito una radiografia, il moncone residuo è stato valutato completamente cariato, oltre ad essere devitalizzato male. Il dente è stato estratto e nella stessa seduta è stato inserito un impianto insieme a del materiale rigenerativo, per migliorare l’osseointegrazione. Dopo tre mesi, tempo necessario per l’osseointegrazione, l’impianto è stato protesizzato con una corona protesica che ha restituito un’eccellente funzione ed estetica, oltre a dare garanzie di durata nel tempo.

Inserimento impianti su paziente edentulo
Richiesta del paziente

Il paziente è completamente edentulo (senza denti) e porta due protesi totali mobili. Desidera riabilitare le due arcate superiore e inferiore con denti fissi per tornare ad avere una vita di relazione e tornare a mangiare.

Trattamento e risultati

In un unico appuntamento sono stati inseriti sei impianti nell’arcata superiore e cinque impianti nell’arcata inferiore e consegnate delle protesi fisse provvisorie già ancorate agli impianti. Dopo sei mesi dall’intervento, sono state consegnate le protesi definitive.