Denti e Photoshop? No, grazie

Nel contesto odierno, fatto di grandi aspettative del paziente e di contenziosi in aumento (con particolare riguardo all’odontoiatria estetica), è diventato fondamentale documentare in modo preciso e scrupoloso tutti i casi clinici di ogni paziente, anche attraverso l’utilizzo di fotografie.

L’immagine visiva, infatti, rende molto più semplice ed immediata la comprensione del piano di trattamento tanto che in prima visita le foto fanno ormai parte del protocollo operativo del mio studio.

Ad ogni nuovo paziente mostriamo le foto dei casi clinici di altri pazienti che si sono curati nel nostro studio ed aventi problematiche similari al suo. Le foto sono un elemento fondamentale anche per l’odontotecnico il quale potrà più facilmente riprodurre forma, croma, traslucenza, trasparenze dei denti e creare di conseguenza un manufatto protesico di alta valenza estetica.

Un odontoiatra che non fornisce foto dei casi clinici precedentemente affrontati va guardato con sospetto; un’attenta e ricca documentazione di ogni lavoro svolto è un elemento imprescindibile per garantire sicurezza ed affidabilità.

Ovviamente è necessario un investimento in termini di denaro da parte del clinico che dovrà acquistare macchine fotografiche di ultima generazione per poter rendere al meglio l’immagine che gli si presenta live ed anche in termini di tempo per formarsi ed imparare i meccanismi della fotografia digitale clinica.

Per queste ragioni alcuni professionisti preferiscono utilizzare immagini prese su internet standardizzate oppure ritoccano con il Photoshop fotografie di scarsa qualità creando in realtà aspettative non realistiche.

Nonostante il proliferare di modelli estetici ritoccati e palesemente falsi, un lavoro di qualità di un dentista serio può ancora fare la differenza, senza trucchi e senza inganni. Un bel sorriso non vuole Photoshop.

Vedi il caso clinico dello studio dentistico Neri Pinzuti

Schermata 2016-06-15 alle 12.15.44